La battaglia contro il denaro

Di Massimo Acciai Baggiani

aspidistraPrima di raggiungere l’immortalità letteraria con capolavori quali La fattoria degli animali e 1984, George Orwell (1903-1950) aveva dato alle stampe un curioso romanzo, Fiorirà l’aspidistra (1936), che anticipa in certi elementi la celebre distopia del Grande Fratello, come vedremo.

Questo romanzo me lo sono letto in macchina, aspettando il verde ai semafori: mi ci sono voluti quasi quattro mesi.[1] Devo dire che è una lettura piuttosto lontana dai miei gusti, anche per questo l’ho affrontata “a piccoli sorsi”, tuttavia mi ha ispirato varie riflessioni su un tema che tocca la maggior parte delle persone a questo mondo: il Denaro.

Il protagonista, Gordon Comstock, è un perfetto idiota. La sua vena masochistica risulta sempre più fastidiosa mano a mano che si va avanti con la lettura. La sua puerile “battaglia contro il denaro”, il suo voler sprofondare sempre più in basso, sempre più «nel fango» aliena progressivamente la simpatia del lettore: in altre parole è uno di quei romanzi moderni in cui manca l’eroe positivo, sostituito da un “antieroe” che alla fine perde la sua sfida personale contro la “rispettabilità borghese”, il conformismo e la ricerca di un «buon posto». Tutte cose simboleggiate, nella mente di Gordon, dall’aspidistra del titolo: una pianta molto diffusa nelle abitazioni borghesi, appunto.

Trentenne con velleità artistiche, Gordon porta avanti un interminabile poema durante il tempo libero dal suo impiego di commesso in una libreria di infimo grado, nella lurida stanza in affitto dove non gli è permesso neppure farsi un tè in santa pace (è costretto a patetici stratagemmi per eludere la sorveglianza dell’arcigna padrona di casa). Giovane promettente originario di una famiglia di persone umili, dopo essersi licenziato da un posto ben retribuito presso una nota agenzia pubblicitaria, dove impiegava la sua creatività per slogan che promuovevano ciò che detestava – il consumismo e la rincorsa al benessere economico – si ribella e si licenzia per seppellirsi nella libreria di cui sopra. Nemmeno qui trova la sua dimensione: è assillato dal «maledetto denaro» di cui non può fare a meno. Senza soldi non ha nemmeno un posto dove passare del tempo con la fidanzata Rosemary, una sorta di crocerossina non meno masochista di lui dal momento che sopporta le sue deliranti invettive contro i soldi e il sistema economico inglese: una ragazza moderna lo avrebbe mandato a quel paese per molto meno. L’amore che gli dimostra è mal riposto; lui non la merita, così come non merita il fidato amico Ravelston, appartenente a quella borghesia che Gordon tanto disprezza.

La prima parte del romanzo oscilla tra narrazione e saggio, rappresentato dalle elucubrazioni del protagonista. La svolta avviene quando una delle poesie di Gordon viene accettata da un’importante rivista e pagata ben dieci sterline. La “ricchezza” raggiunta dà subito alla testa al nostro “eroe” che, anziché utilizzare il denaro per ripagare qualche debito che aveva con la sorella-martire Julia e mettere da parte per i tempi bui, si dà alla pazza gioia, si ubriaca di brutto e finisce in carcere dopo aver sperperato ogni cosa. Sarà Ravelston a pagare la cauzione e tirarlo fuori dalle sbarre, offrirgli una sistemazione presso casa sua e mantenerlo finché non si fosse trovato un altro lavoro (nell’Inghilterra perbenista degli anni Trenta dello scorso secolo si poteva benissimo essere licenziati per molto meno): invece di essere grato all’amico che cerca di tirarlo fuori dalla fogna, Gordon desidera invece sprofondare sempre più fino adesso che ha iniziato a cadere nel baratro. Troverà nonostante tutto un nuovo lavoro in un’altra libreria, meno retribuito del precedente, e vivrà in una stanzetta ancora più sporca e squallida dopo che la padrona di casa, saputo dei suoi guai con la legge, l’ha buttato fuori.

Anche l’adorante Rosemary farà di tutto per risollevare l’amato dalla sua triste, ma voluta, situazione: arriverà perfino a chiedere al suo vecchio datore di lavoro, quello dell’agenzia pubblicitaria, di riprenderlo: Gordon però non ne vuol sapere, preferisce vivere nell’immondizia.

Quando il lettore inizia a pensare che Rosemary e Ravelston sono due idioti pure loro a non lasciare il masochista a cuocere nel suo brodo, c’è la seconda svolta del romanzo: Rosemary è incinta (il concepimento risale al loro primo rapporto sessuale, non protetto perché Gordon è contrario al «controllo delle nascite» imposto dalla morale moderna) e deve scegliere se tenere il bambino o meno. Nel primo caso dovrebbe sposarsi, perché così richiede la morale inglese dell’epoca, e sposarsi con qualcuno che possa mantenerla, nel secondo caso non resta che un aborto clandestino, con grave pericolo per la vita della ragazza. A questo punto Gordon “rinsavisce” e, obtorto collo, si fa riassumere all’agenzia pubblicitaria, si sposa e inizia una normale e tranquilla vita borghese accettando la “vittoria” dell’aspidistra e distruggendo le sue tanto sudate poesie.

In cosa, dicevamo, questo romanzo anticipa 1984? Che rapporto può esserci tra Winston Smith e Gordon Comstock? Più di quelli che possono apparire a una lettura frettolosa. Innanzitutto entrambi i romanzi esprimono un forte pessimismo nei confronti della natura umana; in entrambi il protagonista è destinato alla sconfitta e all’omologazione sociale, in entrambi usa le parole per manipolare il popolo (l’agenzia di pubblicità, la “revisione” della stampa), in entrambi la sorella del protagonista è destinata a sacrificarsi, e infine in entrambi ritorna il tema “maledetto” del denaro (il Grande Fratello sa che può mantenere il controllo della popolazione solo mantenendola in condizioni di povertà) e della “letteratura spazzatura” per tener buone le masse. Anche il protagonista di 1984 ha una infelice vena autolesionista. Ci sono altri richiami, come la scena di Gordon portato in prigione per ubriachezza molesta – in particolare la scena dei servizi igienici senza privacy – e l’alcol che abbrutisce sia Gordon che Winston (nel finale, quando viene infine giustiziato dal regime). Il resto lo lascio scoprire al lettore, al quale consiglio una lettura parallela dei due romanzi.

Venendo invece al tema del denaro, cosa si può dire di questa visione così negativa? Gordon inconsciamente teme la ricchezza perché sa che averne un po’ gli farebbe perdere il controllo (come infatti accade): ciò mi ricorda un mio racconto ancora inedito Un problema di soldi[2] il cui protagonista si ritrova improvvisamente in possesso di una somma considerevole e ne è terrorizzato, non sa come gestirla perché: a) non vuole vivere da ricco perché ha sempre disprezzato il lusso e i ricchi, b) vorrebbe darla in beneficienza ma b1) non si fida delle associazioni umanitarie in quanto le sospetta corrotte e dubita che siano in grado di far avere gli aiuti a chi davvero li merita e b2) fare tutto da solo, conoscere personalmente i possibili beneficiari del suo aiuto, gli porterebbe via troppo tempo e comunque barboni e mendicanti non si fidano di lui e non gli danno confidenza.

papalagiMi viene in mente un altro libro uscito in Germania nel decennio precedente a Fiorirà l’aspidistra. In Papalagi (1920) di Tuiavii di Tiavea (in realtà un falso letterario di Erich Scheurmann). Trovo utile fare un confronto tra le riflessioni sul denaro del saggio samoano con quelle deliranti di Gordon, il quale per tutto il romanzo non fa che lamentarsi del fatto che non ha denaro e quindi deve vivere una vita miserabile senza amici e amore (eppure ha entrambi) e al tempo stesso ricerca di proposito l’indigenza, dimostrandosi alquanto schizofrenico e bipolare. Apro a caso il romanzo di Orwell, alle prime pagine:

«Gordon pensò a Ravelston, il suo ricco amico simpaticissimo, direttore di Anticristo, di cui era smodatamente entusiasta e che non vedeva se non una volta ogni quindici giorni; e a Rosemary, pensò, la sua ragazza, che lo amava, – lo adorava, così lei diceva – e che, ciò nonostante, non era mai venuta a letto con lui. I quattrini, ancora una volta; tutto è denaro. Tutti i rapporti umani devono essere acquisiti coi quattrini. Se non hai quattrini, la gente non si cura di te, le donne non ti amano; non si curano cioè di te o non ti amano quell’ultimo zinzino che conti. E quanto hanno ragione, dopo tutto! Perché, senza soldi, non sei da amare.»[3]

La povera Rosemary fa di tutto per dimostrargli il contrario, così come l’amico Ravelston, ma siccome Gordon è un idiota incaponito nelle sue idee, ed è pure un ingrato, i discorsi affettuosi di chi davvero gli vuol bene cadono nel vuoto. Vediamo cosa dice Tuiavii/Scheurmann:

«Senza denaro in Europa sei un uomo senza testa, un uomo senza membra. Un niente. Devi avere denaro. Ne hai bisogno per il cibo, per l’acqua da bere, per il sonno. Quanto più denaro possiedi, tanto migliore è la tua vita. Se hai denaro puoi avere in cambio tutto il tabacco che vuoi, gli anelli o i panni più belli. Hai molto denaro? Puoi avere molto. Perciò tutti ne vogliono avere molto. E ciascuno vuole averne di più degli altri. Da qui l’avidità e l’occhio teso al denaro in ogni ora del giorno. Getta un tondo metallo nella sabbia e i bambini vi si lanceranno sopra, lotteranno fra di loro per prenderlo e chi lo afferra e lo tiene, il vincitore, è felice. Ma raramente qualcuno getta denaro nella sabbia. […] Ora, quando uno ha molto denaro, molto più della maggior parte degli altri uomini, così tanto che potrebbe con esso rendere il lavoro più facile a cento, mille uomini, lui non dà loro nulla; mette le mani sopra il metallo rotondo e siede sopra la carta pesante e c’è avidità e voluttà nei suoi occhi. E se gli chiedi «Che cosa vuoi fare con tutto quel tuo denaro? Qui sulla terra non puoi fare molto più che rivestirti, placare la tua fame e la tua sete», allora non sa che cosa rispondere, oppure dice: «Voglio averne ancora di più. Sempre di più. E ancora di più». E, così, ben presto ti avvedi che il denaro lo ha fatto ammalare e che tutti i suoi sensi sono posseduti dal denaro. È malato e invasato perché ha dato la sua anima al metallo rotondo e alla carta pesante, e non ne ha mai abbastanza e non può smettere di desiderarne sempre di più. Non è più capace di pensare: «Voglio andarmene dal mondo senza molestie e senza ingiustizie, così come ci sono venuto, poiché il Grande Spirito mi ha inviato nel mondo anche senza metallo rotondo e senza carta pesante». Assai pochi pensano a questo. Per lo più restano nella loro malattia, non guariscono mai nel loro cuore e godono del potere che dà il molto denaro. Si gonfiano d’orgoglio come frutti marci sotto le piogge tropicali. Con voluttà lasciano che molti dei loro fratelli facciano i lavori più duri, per poter essi stessi ingrassare nella pigrizia e prosperare. E fanno questo senza che la loro coscienza si ammali. Si vantano delle loro belle dita pallide che ora non si sporcano più. Il pensiero di derubare continuamente gli altri delle loro energie e di usarle per se stessi non li disturba e non toglie loro il sonno. Non pensano affatto di dare agli altri una parte del tanto denaro che hanno, per rendere loro più facile il lavoro e più lieve la fatica. Così in Europa c’è una metà che deve fare molto lavoro sporco, mentre l’altra metà lavora poco o niente del tutto. La prima metà non ha mai tempo per starsene al sole, la seconda ne ha molto. Il Papalagi dice: «Non tutti gli uomini possono avere ugualmente tanto denaro e mettersi tutti contemporaneamente seduti al sole». Secondo questa dottrina egli si prende il diritto di essere crudele, per amore del denaro. Il suo cuore è duro e il suo sangue freddo, sì, egli mente, inganna, è sempre disonesto e pericoloso quando la sua mano si tende verso il denaro. Spesso un Papalagi ne uccide un altro per denaro. Oppure lo uccide con il veleno delle parole, lo stordisce con esse per rapinarlo. Perciò di rado uno si fida di un altro, perché tutti sono consapevoli della loro grande debolezza. Per questo tu non sai mai se un uomo che ha molto denaro è buono nel fondo del suo cuore, perché potrebbe anche essere molto cattivo. Noi non sappiamo mai come e dove ha preso i suoi tesori.»[4]

verneI due personaggi sono in parte sulla stessa linea di pensiero, ma mentre il samoano vive in una società che per millenni ha vissuto senza il “tondo metallo” (e sta iniziando ad essere corrotta) ed è giustamente convinto che il valore di un uomo non si misura in base al denaro da esso posseduto, Gordon vive nell’Inghilterra del ventesimo secolo è convinto del contrario. La vicenda del poeta che insegue i suoi sogni d’arte in una società votata al guadagno economico mi fa tornare in mente anche un altro libro, letto anni fa: un interessante romanzo di Jules Verne (1828-1905) scritto nel 1863 ma rimasto inedito per oltre un secolo: Parigi nel XX secolo. La tragicomica vicenda umana del protagonista Michel Dufrénoy nella futuribile capitale francese, dove il profitto è il nuovo dio e l’arte è disprezzata, si conclude tragicamente: Dufrénoy rimane fermo nelle sue posizioni, a differenza di Gordon, e muore di fame portando il suo discorso alle estreme conseguenze.[5]

Come i due autori anch’io sono piuttosto scettico riguardo al denaro: quando è poco ovviamente ci sono problemi, ma anche quando è troppo non va bene. Una giusta quantità di denaro potrebbe essere quella che permette di avere un tetto accogliente sopra la testa, pasti regolari e sufficienti per non sentire il morso della fame, accesso alle cure mediche e allo svago, senza mai cadere nel lusso. Il lusso è il male: presuppone che alcune persone abbiano più diritti di altre, che possano derubare i più poveri accaparrandosi le risorse per sé, egoisticamente. Un uomo che vive nel lusso ha il mio disprezzo, lo considero senza mezzi termini un ladro; non importa quanta beneficienza faccia. Qualcuno ha detto che se – per ipotesi assurda – ridistribuissimo equamente le ricchezze, nel giro di poco tempo i poveri tornerebbero poveri e i ricchi, ricchi. È possibile, perciò metterei per legge un tetto massimo al denaro che un singolo uomo può possedere e un tetto minimo garantito per tutti (ovviamente per tutti quelli che, essendo nelle condizioni di farlo, lavorano, e che non sprechino soldi in beni voluttuari o dannosi quali il tabacco o l’alcol – e denaro a sufficienza anche per invalidi di vario tipo che non possono lavorare, non per pigrizia ma per impossibilità oggettiva).

Utopia? Forse, oggi forse è così, ma nel futuro dovrà diventare realtà altrimenti l’avidità umana distruggerà il pianeta e porterà all’estinzione della specie. A un certo punto i poveri non accetteranno più, giustamente, di vedere gente che si paga viaggi turistici nello spazio mentre popolazioni intere muoiono di fame e di malattie curabili con pochi spiccioli. Non siamo più nel medioevo; anche gli ultimi del mondo stanno acquisendo la consapevolezza dell’ingiustizia della loro condizione.

Si chiama progresso ed è inevitabile.

Corezzo-Firenze, 14-16 agosto 2019

 Bibliografia

  • Acciai Baggiani M., Un altro punto di vista, in «Segreti di Pulcinella» (blog).
  • Acciai Baggiani M., Denaro e letteratura: tra utopia e distopia, in «L’area di Broca», n. 84-85, Lug. 2006 – Giu. 2007.
  • Orwell G., Fiorirà l’aspidistra, Milano, Mondadori, 1966.
  • Orwell G., 1984, Milano, Mondadori, 1999.
  • Tuiavii di Tiavea, Papalagi, Millelire stampa alternativa, 1992.
  • Verne J., Parigi nel XX secolo, Roma, Newton, 1995.

Note

[1] Odio sprecare tempo e odio i semafori, per fortuna ho i libri e ogni occasione è buona per leggere (come il protagonista dell’episodio di Ai confini della realtà intitolato Tempo di leggere).

[2] Scritto nel 2019.

[3] Orwell G., Fiorirà l’aspidistra, Milano, Mondadori, 1966, pp. 23-24.

[4] Tuiavii di Tiavea, Papalagi, Millelire stampa alternativa, 1992, pp. 17-19.

[5] Vedi anche il mio articolo Denaro e letteratura: tra utopia e distopia, in «L’area di Broca», n. 84-85, Lug. 2006 – Giu. 2007.

Un altro punto di vista

Di Massimo Acciai Baggiani

Nel 1920, in Germania, apparve un curioso libretto intitolato Der Papalagi (poi pubblicato in Italia nella mitica collana «Millelire stampa alternativa», col titolo di Papalagi), a nome di un tale Tuivii di Tiavea, samoano, tradotto in tedesco da Erich Scheurmann (1878-1957). In realtà l’aveva scritto proprio lo stesso Scheurmann, giocando sulla finzione letteraria del “buon selvaggio” che ha molto da insegnare a noi poveri “papalagi” (così i samoani indicano l’uomo bianco) rivolgendosi però ai suoi conterranei. Che fosse una finzione era abbastanza chiaro fin dalle prime pagine, anche se come “contraffazione” devo dire che è fatta piuttosto bene.

Come ci vedrebbe dunque, noi occidentali, un abitante di isole remote dove si viveva ancora relativamente lontani dalla frenetica vita moderna? La domanda mi riporta ad un mio racconto di fantascienza, Intervista al primo viaggiatore del tempo[1], in cui immaginavo un uomo dei nostri tempi a cui è dato in sorte di passare una settimana in un futuro non meglio specificato, per poi tornare indietro a riferire ai contemporanei ciò che ha visto. Tale futuro è così lontano dalla nostra cultura, dal nostro pensiero, dal nostro mondo, che il viaggiatore del tempo è del tutto incapace di spiegarcelo, in primis perché non l’ha capito lui stesso.

Il parallelismo col libro di Tuivii/Scheurmann nasce spontaneo: pur non avendolo letto all’epoca, avevo fatto una riflessione simile: il saggio samoano che visita l’Europa e scrive poi una sorta di manuale antropologico ad uso del suo popolo, mettendolo in guardia dalle diavolerie inventate dall’uomo bianco per rovinare la vita a se stesso e al prossimo, somiglia un po’ a un viaggiatore del tempo che viene da una terra dove ancora si vive come gli antenati di diecimila anni fa. Il personaggio di Tuivii è un attento osservatore, molto acuto, ma – un po’ perché nella sua lingua non esiste la terminologia relativa alle cose del “papalagi”, mancando nelle isole samoane il denaro, il cinema, i giornali, le città, eccetera, e un po’ perché evidentemente il suo soggiorno non è stato abbastanza lungo – il racconto del “buon selvaggio” ha effetto di comico straniamento alla nostra lettura di occidentali. Apparentemente il buon Tuiviii non ha capito nulla dello stile di vita europeo ma, guardando meglio, forse al contrario ha capito molto di più di noi, immersi in questo inferno di avidità, egoismo e malattia.

Non so se il “selvaggio” samoano un secolo fa vivesse davvero in una sorta di Eden, probabilmente no, ma certo le osservazioni di Tuivii sono sorprendentemente attuali e dovrebbero far riflettere anche noi uomini occidentali del XXI secolo. A differenza infatti del mio viaggiatore del tempo, il protagonista-narratore di questo libro racconta un sacco di cose, riporta molte informazioni (sebbene deformate dalla sua cultura, in cui un palazzo è una “capanna” molto grande o un “cassone di pietra”, il cinema è il “luogo della falsa vita”, il denaro è “il tondo metallo e la carta pesante”, eccetera) e mette in relazione logica le cose rapportandole alla vita semplice che conduceva in patria.

Riporto alcuni estratti in cui l’autore spiega con grande efficacia la “follia” del papalagi; ad esempio parlando del “tondo metallo”, scrive:

«Senza denaro in Europa sei un uomo senza testa, un uomo senza membra. Un niente. Devi avere denaro. Ne hai bisogno per il cibo, per l’acqua da bere, per il sonno. Quanto più denaro possiedi, tanto migliore è la tua vita. Se hai denaro puoi avere in cambio tutto il tabacco che vuoi, gli anelli o i panni più belli. Hai molto denaro? Puoi avere molto. Perciò tutti ne vogliono avere molto. E ciascuno vuole averne di più degli altri. Da qui l’avidità e l’occhio teso al denaro in ogni ora del giorno. Getta un tondo metallo nella sabbia e i bambini vi si lanceranno sopra, lotteranno fra di loro per prenderlo e chi lo afferra e lo tiene, il vincitore, è felice. Ma raramente qualcuno getta denaro nella sabbia. […]

Ora, quando uno ha molto denaro, molto più della maggior parte degli altri uomini, così tanto che potrebbe con esso rendere il lavoro più facile a cento, mille uomini, lui non dà loro nulla; mette le mani sopra il metallo rotondo e siede sopra la carta pesante e c’è avidità e voluttà nei suoi occhi. E se gli chiedi «Che cosa vuoi fare con tutto quel tuo denaro? Qui sulla terra non puoi fare molto più che rivestirti, placare la tua fame e la tua sete», allora non sa che cosa rispondere, oppure dice: «Voglio averne ancora di più. Sempre di più. E ancora di più». E, così, ben presto ti avvedi che il denaro lo ha fatto ammalare e che tutti i suoi sensi sono posseduti dal denaro. È malato e invasato perché ha dato la sua anima al metallo rotondo e alla carta pesante, e non ne ha mai abbastanza e non può smettere di desiderarne sempre di più. Non è più capace di pensare: «Voglio andarmene dal mondo senza molestie e senza ingiustizie, così come ci sono venuto, poiché il Grande Spirito mi ha inviato nel mondo anche senza metallo rotondo e senza carta pesante». Assai pochi pensano a questo. Per lo più restano nella loro malattia, non guariscono mai nel loro cuore e godono del potere che dà il molto denaro. Si gonfiano d’orgoglio come frutti marci sotto le piogge tropicali. Con voluttà lasciano che molti dei loro fratelli facciano i lavori più duri, per poter essi stessi ingrassare nella pigrizia e prosperare. E fanno questo senza che la loro coscienza si ammali. Si vantano delle loro belle dita pallide che ora non si sporcano più. Il pensiero di derubare continuamente gli altri delle loro energie e di usarle per se stessi non li disturba e non toglie loro il sonno. Non pensano affatto di dare agli altri una parte del tanto denaro che hanno, per rendere loro più facile il lavoro e più lieve la fatica.

Così in Europa c’è una metà che deve fare molto lavoro sporco, mentre l’altra metà lavora poco o niente del tutto. La prima metà non ha mai tempo per starsene al sole, la seconda ne ha molto. Il Papalagi dice: «Non tutti gli uomini possono avere ugualmente tanto denaro e mettersi tutti contemporaneamente seduti al sole». Secondo questa dottrina egli si prende il diritto di essere crudele, per amore del denaro. Il suo cuore è duro e il suo sangue freddo, sì, egli mente, inganna, è sempre disonesto e pericoloso quando la sua mano si tende verso il denaro. Spesso un Papalagi ne uccide un altro per denaro. Oppure lo uccide con il veleno delle parole, lo stordisce con esse per rapinarlo. Perciò di rado uno si fida di un altro, perché tutti sono consapevoli della loro grande debolezza. Per questo tu non sai mai se un uomo che ha molto denaro è buono nel fondo del suo cuore, perché potrebbe anche essere molto cattivo. Noi non sappiamo mai come e dove ha preso i suoi tesori.»[2]

Personalmente mi trovo molto d’accordo: il concetto non potrebbe essere spiegato meglio, così come quando parla della cronica mancanza di tempo del papalagi, di come usa troppo la testa e non riesce a godersi la vita e le cose belle che questa offre, di come distorce la realtà per i suoi fini egoistici, di come si ammala di solitudine e di depressione per la vita non naturale che è costretto a trascorrere, prigioniero delle convenzioni, fin da piccolo.

In linea generale condivido abbastanza il pensiero del “selvaggio”, ma su alcune cose mi trovo in disaccordo. Quando ad esempio va sul mistico, parlando del Grande Spirito che il papalagi continua ad offendere, il mio pensiero ateo non lo segue più, così quando si scaglia contro il progresso tecnologico che invece, a mio parere, se impiegato bene renderà la vita un paradiso concreto per i posteri (se, come spero, sapranno superare il proprio egoismo e diventare “transumani”).

Prima di concludere e invitare alla lettura di questo interessante libriccino (non va letto di fretta, ogni paragrafo va meditato), un ultimo parallelismo con un altro breve scritto che ho tradotto in italiano da alcuni appunti in esperanto di un anonimo kirghiso, col titolo di Piccola grammatica ragionevole di utopiano[3], in cui troviamo l’idea di termini diversi per indicare il reale possesso (“la mia mano”, “il mio cuore”, eccetera) da ciò che non appartiene intimamente all’uomo ma o lo ha acquistato col denaro o ha con esso un altro tipo di relazione (ad esempio di parentela: “mia mamma”, “mio fratello”, eccetera).

Confrontiamo questi due testi:

«Quando un uomo dice: “La mia testa è mia e non appartiene ad altri che a me”, allora per lui è veramente così e nessuno può avere qualcosa da ridire. Nessuno ha maggior diritto alla propria mano destra che il possessore di quella mano. Fin qui do al Papalagi tutte le ragioni. Ma lui dice anche: “La palma è mia”. Solo perché cresce proprio davanti alla sua capanna. Come se l’avesse fatta crescere lui stesso. La palma però non è affatto sua. Mai. È la mano di Dio che l’ha fatta uscire dalla terra. Dio ha molte mani. Ogni albero, ogni fiore, ogni filo d’erba, il mare, il cielo, le nuvole che in cielo camminano, tutto questo sono le mani di Dio. Noi possiamo afferrare queste cose e goderne, ma non possiamo dire… “La mano di Dio è la mia mano”. Il Papalagi però lo fa.

Lau si chiama nella nostra lingua il mio e il tuo, ed è quasi una sola e unica cosa. Nella lingua del Papalagi non ci sono parole che significhino due cose ben diverse meglio de… «il mio» e «il tuo». Mio è tutto ciò che appartiene solo e unicamente a me. Tuo è ciò che appartiene solo e unicamente a te. Per tale ragione, di tutto ciò che sta nella cerchia della sua capanna il Papalagi dice: “È mio”. E nessuno ha diritto su queste cose all’infuori di lui. Quando vai da un Papalagi e presso di lui vedi qualcosa, un frutto, un albero, un’acqua, un bosco, un mucchio di terra, subito egli dice: “Questo è mio. Guardati dal toccare ciò che è mio!” Ma se tu lo fai ugualmente, allora si mette a gridare, ti chiama ladro, una parola che rappresenta una grande vergogna, e questo soltanto perché hai osato toccare un “mio” del tuo prossimo. Accorrono i suoi amici e i servi del grande capo, ti mettono in catene e ti conducono nella fale pui pui e tu sei messo al bando per tutta la vita.

Perché uno non abbia a prendere le cose che sono dell’altro, questo, e cioè il ciò che è mio e il ciò che è tuo, è accuratamente regolato da leggi speciali. E in Europa ci sono persone che non fanno altro che badare a che nessuno trasgredisca queste leggi, che al Papalagi nulla venga portato via di ciò ch’egli ha fatto suo. Con questo il Papalagi vuol dare a vedere di avere un reale diritto su queste cose, come se Dio stesso gli avesse concesso ciò che possiede per tutti i tempi. Come se davvero la palma, l’albero, il fiore, il mare, il cielo con le sue nuvole gli appartenessero.»[4]

A parte l’accenno a dio, pare proprio un’utopia comunista. L’utopia invece dell’anonimo kirghiso concorda sul possesso inalienabile della mano destra, ad esempio, a cui accenna anche il samoano, ma per il resto ammette il possesso esclusivo di ciò che è stato regolarmente acquistato:

«In utopiano dobbiamo distinguere tre casi che in italiano sono resi con lo stesso elemento grammaticale: il possessivo. Le espressioni “la mia ragazza” e “il mio libro” sono concettualmente diverse: nel primo caso di tratta di un rapporto di relazione (nello specifico, di amore) mentre solo nel secondo caso di può parlare di possesso, nel caso che il libro sia stato regolarmente acquistato o regalato. L’utopiano distingue rigorosamente questi due casi: athà (e declinazioni) indica che il parlante ha una relazione di qualche tipo con il sostantivo seguente (un amico, un parente, un animale domestico, eccetera) mentre jubb e le sue declinazioni, che non si usano mai per gli esseri viventi, indicano il regolare possesso. “La mia ragazza” si traduce pertanto athà su, mentre “il mio libro” jubb aston. L’espressione, grammaticalmente scorretta, *jubb su è estremamente maleducata.

C’è un terzo caso che potremmo definire “possessivo vero e proprio”. Si tratta di ciò che è intimamente e veramente in possesso del soggetto; qualcosa che possiede soltanto lui o lei e che non può acquisire o cedere. “La mia mano”, “il mio cuore”, “la mia mente”, “il mio corpo” si rendono in utopiano con athé kram, athé nam, athé kymill e athé voss. In sostanza l’utopiano distingue tra ciò che può essere acquistato e ciò che non può essere acquistato; fatto testimoniato dalla comune origine del relativo e del possessivo vero e proprio.»[5]

L’ideale di fratellanza, uguaglianza e libertà espresso dal buon samoano (affine agli ideali illuministi che purtroppo non hanno trovato applicazione poi nella Rivoluzione Francese) mi spinge a un confronto sconsolato con quanto sta avvenendo oggi in Italia e nel mondo. Come ripeto sempre, l’Uomo è a un bivio: sta solo alla saggezza di tutti scegliere se continuare su questa strada – che porterà inevitabilmente all’estinzione – o se cambiare paradigma mentale e pensare globalmente, come un’unica specie umana. Sentirsi separati da altri popoli, come se ciò che avviene in Africa non riguardasse gli europei o gli italiani, è una visione miope e sciocca che conduce al disastro.

Firenze, 8 giugno 2019

Bibliografia

  • Anonimo Kirghiso, Gramatiketo razona de utopia lingvo, «Literatura foiro» n. 300 (agosto 2019), a cura di Acciai Baggiani M.
  • Acciai M., Intervista al primo viaggiatore del tempo, in «L’area di Broca», n. 96-97, Lug. 2012 – Giu. 2013.
  • Tuiavii di Tiavea, Der Papalagi. Die Reden des Südseehäuptlings Tuiavii aus Tiavea, Erstauflage Felsen, Buchenbach (Baden) 1920 (Trad it. Papalagi, Millelire stampa alternativa, 1992).

[1] Pubblicato in «L’area di Broca», n. 96-97, Lug. 2012 – Giu. 2013.

[2] Tuiavii di Tiavea, Papalagi, Millelire stampa alternativa, 1992, pp. 17-19.

[3] Per testo in esperanto, curato da me, vedi «Literatura foiro» n. 300 (agosto 2019).

[4] Tuiavii di Tiavea, op. cit., pp. 31-32.

[5] Ebbene sì, lo confesso: come il buon selvaggio Tuiavii di Tiavea è un’invenzione letteraria del “traduttore” Erich Scheurmann, così l’anonimo esperantista kirghiso è un personaggio che mi sono inventato e di cui mi sono finto a mia volta traduttore.